News & Media

La Responsabilità Sociale delle Utility nell’epoca del COVID-19

Leggi l'intervista ad Alessandra Frigato Bonello, Direttore Generale di Cura Gas&Power e accedi anche tu alla documentazione messa a disposizione dal Gruppo CURA.

Nelle ultime settimane Gruppo CURA ha valorizzato le competenze interne di Analisti, Tecnici ICT, legali, addetti marketing e customer care, raccogliendo e riorganizzando informazioni da più fonti al fine di:

  • rendere facilmente accessibili alcuni servizi al cittadino, quali mappe e modelli sull’andamento dei contagi e sugli scenari attesi di rientro dell’epidemia e informazioni circa la possibilità di partecipare a campagne di test sierologici aziendali a per verificare lo stato di immunità da Covid dei dipendenti
  • aiutare i clienti e business partner a intercettare iniziative per sostenersi economicamente, quali bandi pubblici per finanziamenti a fondo perduto o a tasso agevolato disponibili sul territorio nazionale e divisi per settore di attività e tipologia di impresa
  • mettere a frutto le potenzialità di una rete virtuosa di contatti che possa fornire opportunità di riposte tempestive e semplici a esigenze specifiche in questo periodo di Lock-down

La volontà di essere davvero utile in un periodo come questo ha portato a una condivisione virtuosa di informazioni da usare per riprogrammare la ripresa per il bene di tutti.

Ne parliamo con Alessandra Frigato Bonello, Direttore Generale di CURA Gas & Power, società commerciale del Gruppo CURA, che, condividendone l'importanza in azienda, ha coordinato quest’iniziativa e attivato risorse per mettere a disposizione informazioni rilevanti per tutti.

Come ha reagito l’azienda a questa grande emergenza, quali le preoccupazioni per il presente ed il futuro e quali i progetti messi in campo?

La prima preoccupazione dell’azienda è stata garantire la salute dei dipendenti e dei collaboratori tutti -inclusa la serenità psicologica e la percezione dell’azienda come luogo sicuro dove potersi recare e dove poter ricevere supporto e informazioni – mettendo così in sicurezza l’azienda stessa in termini di continuità operativa. Oltre all’applicazione delle misure di contenimento nei locali aziendali, abbiamo abilitato tutti i 60 dipendenti alla modalità “smart working” consentendo, in meno di 4 gg lavorativi, di proseguire la normale attività da remoto.

Ma la salute di una Utility è legata a filo doppio alla salute dei propri clienti: guardando al futuro ci siamo subito resi conto che questa è e sarà sempre più la nuova sfida, e che dobbiamo mettere in campo sforzi orientati il più possibile al supporto dei nostri clienti e, più in generale, di tutto il nostro ecosistema. Da qui l’idea di costruire un servizio gratuito di condivisione di informazioni utili a organizzare la ripartenza tra cui:

  • Mappe e modelli di simulazione relativi all’andamento e alle attese di rientro dell’epidemia
  • Bandi nazionali e regionali per l’accesso a fonti di liquidità per le imprese
  • Test sierologici per lo screening delle persone utili a individuare situazioni di positività latente al virus o presenza di anticorpi immunizzanti

Ci siamo inoltre predisposti all’ascolto di feedback e suggerimenti, raccogliendo nuove esigenze e fornendo approfondimenti laddove richiesto.

L’obiettivo è quello di prepararci tutti insieme a riaffrontare al meglio la fase di ripartenza, condividendo criticità e opportunità in una logica di ecosistema che si sostiene in modo virtuoso.

Cosa è stato fondamentale per la realizzazione dell’iniziativa?

Sicuramente la condivisione di intenti e di valori del Gruppo (vicinanza al cliente, sostenibilità, innovazione), il network di contatti, la flessibilità e la rapidità di azione che contraddistingue realtà di dimensioni medio piccole, l’eterogeneità di provenienza e competenze dei dipendenti, oltre a motivazione, ottimismo e fiducia nelle capacità di un ecosistema solido e virtuoso.

Fondamentale è stata la collaborazione tra aree e funzioni diverse, dagli analisti ai tecnici ICT e business intelligence, dal marketing al customer care e ai legali, e il coordinamento da remoto, mai testato prima e per nulla scontato. Ognuno ha messo a disposizione le proprie competenze per realizzare un servizio informativo che esula dal business tradizionale e realmente utile a terzi.

Infine, ovviamente, la tecnologia come elemento abilitante a ridurre distanze fisiche, veicolare rapidamente informazioni e tracciare e misurare le interazioni.

Quale è stata la risposta alla vostra iniziativa e quali i progetti per il futuro?

La risposta che abbiamo avuto è stata decisamente positiva, sorprendentemente oltre le aspettative, sia da parte di clienti che da parte di associazioni, enti e business partner. Oltre il 50% dei destinatari dei contenuti informativi ha visionato quanto ricevuto, oltre il 20% ha mostrato interesse per i servizi proposti. Emerge quindi una conferma importante della funzione che oggi, e in futuro più che mai, assume il modello a rete basato su collaborazioni anche solidali che mostrano un valore percepito di gran lunga superiore ad altre soluzioni.

Senza ovviamente defocalizzarci dal core business aziendale, alla luce di quanto emerso da questa esperienza, possiamo senz’altro dire che intendiamo proseguire la strada intrapresa e fornire più servizi, anche attraverso attività di scouting finalizzate ad aiutare i nostri clienti ad avere luoghi di lavoro più sicuri (tramite suggerimenti per l’approvvigionamento di dispositivi di protezione, di prodotti di sanificazione e altro), e rafforzare il ns ruolo di partner delle imprese per poter rispondere anche in futuro ad eventuali nuovi bisogni ed esigenze.

Accedi alla documentazione messa a disposizione dal Gruppo CURA

Scenari evolutivi di contagio covid-19

Test sierologici per affrontare la Fase 2

Fondi regionali per le imprese

Misure economiche per le aziende

Come si diffonde nel nostro Paese e quando rientrerà l'epidemia?

Sulla base dell’andamento storico e del numero dei tamponi effettuati simuliamo l’evoluzione della curva dei casi totali e la mappa di diffusione dei contagi per regione.

Seguiamo con attenzione lo sviluppo e l'esecuzione dei nuovi test sierologici che consentiranno la rilevazione degli anticorpi “covid-19” per prepararci ad affrontare la fase 2. Stiamo lavorando per un'eventuale partecipazione volontaria come azienda in Emilia Romagna e offrirtimaggiori info

Per supportare la ripartenza delle attività e sostenere lo sviluppo di tutti i clienti abbiamo reso disponibili le info relative ai bandi di finanziamento attivi nelle diverse regioni italiane, dedicati a settori di attività differenti e a imprese di diversa dimensione. Contattaci se desideri ricevere maggiori informazioni

Quali sono i provvedimenti economici varati dal Governo per sostenere le aziende e fronteggiare l'emergenza covid-19? Illustriamo le principali misure in materia di lavoro e liquidità: contenuti, requisiti e documentazione necessaria.

Consulta le mappe

Leggi di più

Consulta i bandi

Leggi Tutto